Licenciement en Suisse, quels sont vos droits ?

Licenziamento in Svizzera

Siete un lavoratore frontaliero in Svizzera e il vostro datore di lavoro vi ha appena licenziato? Conosci i vostri diritti e la procedura da seguire.

Lei è un lavoratore frontaliero in Svizzera e il suo datore di lavoro l'ha appena licenziata. È importante conoscere i propri diritti per potersi rivolgere agli organi e alle autorità competenti. Ad esempio, il vostro compenso può essere diverso in caso di licenziamento o se il vostro contratto viene risolto di comune accordo con la vostra azienda.

Chi pagherà il vostro sussidio di disoccupazione e a cosa potete ricorrere in caso di licenziamento ingiustificato?

Licenziamento in Svizzera

In Svizzera, un datore di lavoro può licenziare un dipendente senza giusta causa. Dovrà semplicemente dare un motivo in caso di licenziamento immediato senza preavviso, in caso di colpa grave (violenza, perdita di fiducia, furto...). Il diritto del lavoro è molto più flessibile in Svizzera che in Italia e la libertà contrattuale ha la precedenza.

licenziamento

  • Se siete ancora nel periodo di prova, il preavviso di disdetta è di 7 giorni.
  • Se siete nel vostro primo anno di contratto, il preavviso di licenziamento è di 1 mese.
  • Se hai tra i 2 e i 9 anni di anzianità di servizio, il preavviso di licenziamento è di 2 mesi.
  • Il vostro datore di lavoro dovrà darvi 3 mesi di preavviso di licenziamento se avete più di 9 anni di anzianità di servizio nella società.

Contestare il licenziamento

Potreste essere licenziati ingiustamente o non essere d'accordo con le ragioni del vostro licenziamento e avete il diritto di contestarlo per iscritto.

In seguito a questa procedura è possibile richiedere il trattamento di fine rapporto. Questo è limitato ad un massimo di 6 mesi di stipendio lordo. È necessario adottare queste misure prima della fine del periodo di preavviso. È inoltre necessario portare la questione davanti a un giudice entro 180 giorni dalla scadenza del contratto.

Si prega di notare che in alcune situazioni non si può essere licenziati. In particolare se si è parzialmente o totalmente incapaci di lavorare o se si è incinta (così come le 16 settimane successive al parto).

Indennità di disoccupazione per i frontalieri

Le casse di disoccupazione svizzere avvantaggiano solo i residenti svizzeri, indipendentemente dal motivo della perdita del posto di lavoro. Se risiedete in Italia e perdete il vostro posto di lavoro in Svizzera a seguito di un licenziamento, dovete quindi iscrivervi al centro per l’impiego. Il centro per l’impiego vi pagherà le prestazioni come se aveste lavorato in Italia, anche se questo non è il paese in cui avete versato i contributi.

Disoccupazione totale

Lei ha subito una perdita totale del posto di lavoro a seguito del suo licenziamento. Desiderate pertanto presentare una domanda di disoccupazione completa. Deve essere presentata al paese di residenza. È quindi il centro per l’impiego, in Italia, ad essere competente in queste situazioni.

Sarà necessario inviare il modulo u1 al momento della registrazione per la disoccupazione. Questo documento vi sarà rilasciato da una cassa Svizzera di assicurazione contro la disoccupazione, presentandovi l'elenco dei seguenti documenti:

  • Un certificato di lavoro del vostro datore
  • Una lettera di licenziamento
  • Le tue ultime 6 buste paga
  • Una copia del vostro contratto di lavoro
  • Una copia della vostra carta AVS

Questo documento u1 è essenziale per chiunque desideri aprire il diritto alla disoccupazione in Italia dopo aver lavorato in uno stato membro dell'ue o in Svizzera. È necessario completare queste procedure entro un anno dal licenziamento.

Risarcimento in Italia

Per ricevere un indennizzo in Italia, è importante tenere conto delle ragioni della risoluzione del contratto:

  • Se vi siete dimessi, non sarete risarciti.
  • Se avete rescisso il contratto di comune accordo con la vostra azienda, questo non è considerato come una violazione del contratto, non sarete risarciti.
  • Se siete stati licenziati per colpa grave o per motivi economici, sarete risarciti.

L'indennità sarà calcolata sulla base della retribuzione lorda percepita dal dipendente prima del licenziamento. Così su un salario svizzero in seguito a un licenziamento in Svizzera.

Disoccupazione parziale

Se la vostra azienda ha semplicemente ridotto il vostro orario di lavoro o lo ha temporaneamente sospeso, non siete stati licenziati. Il vostro contratto di lavoro è ancora valido e potrete quindi lavorare a tempo parziale in Svizzera.

Il vostro datore di lavoro si occupa di tutte le formalità amministrative presso l'assicurazione Svizzera contro la disoccupazione. Il vostro datore di lavoro deve dare un preavviso di 10 giorni al cantone interessato e ottenere il vostro consenso. In questi casi, ricevete l'80% del vostro salario perduto.

Verso una modifica dei diritti

Le autorità europee si stanno muovendo verso un cambiamento di questi diritti previsto per il 2021. I lavoratori transfrontalieri dovrebbero in futuro essere compensati dal paese che li impiega e nel quale versano i contributi.

Questa riforma avrà luogo inizialmente all'interno dell'unione europea e negli anni successivi in Svizzera. L’Italia potrebbe risparmiare fino a 650 milioni di euro all'anno.

Ulteriori passi dopo il licenziamento in Svizzera

In seguito al suo licenziamento in Svizzera, deve aggiornare il suo stato presso diverse organizzazioni per regolarizzare la sua situazione:

  • La previdenza professionale (secondo pilastro): è l'istituto di previdenza svizzero al quale si versano i contributi obbligatori quando si lavora in Svizzera.
  • La LaMAL: l'assicurazione malattie Svizzera che è obbligatoria quando si lavora in Svizzera. È possibile scegliere il cmu anche come lavoratore frontaliere.
  • Gli assegni familiari svizzeri e italiani: sono i fondi che versano gli assegni familiari.

Ricevi la nostra prossima guida via e-mail

Non perdere il nostro prossimo articolo su come vivere e lavorare in Svizzera e riceverlo direttamente nella vostra e-mail!

Iscriviti

Avete una domanda?

Le nostre FAQ raccolgono le domande più frequenti poste dai nostri utenti. La vostra domanda ha probabilmente una risposta!

Andate alle FAQ

Se non trovate la risposta che cercate, il nostro team vi aiuterà via e-mail, al telefono (dal lunedì al venerdì, dalle 09h00 alle 18h00), su Facebook o Twitter.

Torna al blog